logo

LA GALLERIA D’INCONTRO “IL SEGNO”

galleria

Inaugurata il 18 dicembre del 2000 e ospitata in un ampio salone della Comunità Terapeutica “J.F. Kennedy”, la Galleria d’incontro “IL SEGNO”, raccoglie, in mostra permanente, circa 50 opere realizzate nell’ambito del laboratorio di grafo-pittura.

La galleria ha voluto creare uno spazio di incontro e di dialogo, fruibile da parte di quanti vogliono conoscere un aspetto speciale della creatività, che, pur non rimanendo sostanzialmente dissimile da quanto avviene in altri contesti, assume dei connotati peculiari nell’ambito della psicopatologia e della “cura” del paziente psichiatrico. Attraverso la proposta delle opere, abbiamo voluto sollecitare un momento di riflessione sulle possibilità di un mondo interiore, quello del paziente psichiatrico, non desertificato dalla cronicità della patologia, quanto piuttosto ancora capace della ricchezza di un dialogo che il “segno”, da cui il nome delle galleria, reca dentro di sé.

Quello che intendiamo, così, evidenziare, dal punto di vista teorico ed operativo, è l’interesse non tanto verso l’oggetto rappresentato, verso la sua dimensione estetica, quanto piuttosto verso il processo dinamico che sta alla base della rappresentazione e della creatività nei nostri ospiti. Questo è un punto per noi importante e che ha contraddistinto tutti i nostri lavori, dal momento che i pazienti non sono pittori o artisti nell’accezione corrente del termine, ma persone che attraverso il segno e il colore danno vita ad una relazione, a volte altrimenti difficile.

Per questa ragione, ci è sembrato opportuno definire la nostra una “galleria d’incontro”, invece che “galleria d’arte”.

Si propone, in tal modo, una diversa chiave di lettura delle opere, non una lettura tecnica o estetica, bensì una lettura relazionale che apre un’ulteriore possibilità di accesso e di conoscenza del mondo interiore dei nostri utenti. Il segno e il colore assumono, quindi, anche una significativa valenza terapeutica, oltreché espressiva.

Per la complessità del tema, abbiamo desiderato che, in occasione delle visite alla mostra, si potesse dedicare qualche minuto alla creazione di uno spazio di confronto e di interazione sul significato della creatività nel delicato ambito della psicopatologia. La prenotazione delle visite è servita e servirà, quindi, a garantire la disponibilità della nostra équipe ad intrattenersi con i visitatori illustrando loro le finalità ed il significato della galleria di opere dei nostri laboratori.

L’esposizione è stata già visitata da diversi gruppi e da scolaresche degli istituti locali e dei comuni vicini.

Le visite, preferibilmente per gruppi medio-piccoli, possono essere concordate contattando, telefonicamente o mediante fax, la Direzione della Comunità “Kennedy”.

logo
Powered by WordPress | Designed by Elegant Themes